OBESITA’ E DIABETE AL TEMPO DEL COVID 19

Care lettrici e lettori, nello scorso articolo vi ho dato alcuni consigli su come mantenersi in forma cercando di
non prendere peso in questa particolare fase sociale.
Vi vorrei portare a conoscenza di recentissime ricerche (di questi mesi), relative a fattori di rischio di diabete
e per l’infezione da covid-19
OBESITA’ E DIABETE
Sviluppare il diabete è una condizione genetica e di stile di vita. Sia che abbiate un rischio genetico basso o
alto per il diabete di tipo 2, l’obesità sembra essere il fattore trainante nello sviluppo della malattia.
In questo studio i ricercatori hanno scoperto che l’obesità ha aumentato il rischio di diabete di tipo 2 di almeno
sei volte, indipendentemente dal rischio genetico di una persona.
I risultati di questa ricerca suggeriscono che, indipendentemente dalla storia della tua famiglia, mantenere un
peso sano è la chiave per tenere a bada il diabete di tipo 2.
Questa ricerca ha monitorato la salute di persone una mediana di 15 anni (il che significa che la metà è stata
seguita più a lungo, la metà per meno tempo). Più di 4.700 adulti hanno sviluppato diabete di tipo 2 durante il
monitoraggio.
Rispetto alle persone il cui peso era normale, coloro che erano in sovrappeso avevano un rischio 2,4 volte
maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2 durante lo studio. Per coloro che erano obesi, il rischio era sei volte
superiore.
Le persone con lo stile di vita più malsano e un alto rischio genetico ed in più obesi avevano più di 14 volte il
rischio di diabete di tipo 2.
Questo studio ha dimostrato che le persone con obesità ed uno stile di vita sfavorevole è a maggior rischio di
diabete tipo 2 indipendentemente dal loro rischio genetico e che l’effetto dell’obesità sul rischio di diabete di
tipo 2 è dominante rispetto ad altri fattori di rischio.
E come predico da anni questi risultati confermano che attraverso la gestione del peso e uno stile di vita sano
è fondamentale per prevenire il diabete di tipo 2 ed altre patologie correlate.
OBESITÀ E COVID-19
Sta diventando sempre più chiaro che l’obesità è uno dei maggiori fattori di rischio per la grave malattia COVID19, in particolare tra i pazienti più giovani.
I dati recentemente pubblicati e provenienti da New York mostrano che tra i minori di 60 anni, l’obesità aveva
il doppio delle probabilità di provocare un ricovero in ospedale per COVID-19 e ha anche aumentato
significativamente la probabilità che una persona finisca in terapia intensiva.
Risultati simili da un altro ospedale di New York mostra che, ad eccezione dell’età avanzata, l’obesità (BMI>
35) aveva la più forte associazione con il ricovero per COVID-19, aumentando il rischio più di sei volte,
confermato da un nuovo studio francese che mostra un’alta frequenza di obesità tra i pazienti ricoverati in
un’unità di terapia intensiva per COVID-19; inoltre, la gravità della malattia è aumentata con l’aumentare
dell’BMI.
I pazienti con COVID-19 e con obesità grave sono in genere giovani, si ammalano molto più facilmente e non
mostravano altre comorbidità.
Si sta imparato molto dall’influenza nei pazienti con obesità e quasi sicuramente ci saranno parallelismi con
COVID-19. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie considerano i soggetti con BMI ≥ 40 kg a
rischio di complicanze influenzali. Durante il pandemico H1N1 del 2009, l’obesità è stata riconosciuta come
un fattore di rischio indipendente per le complicazioni da influenza. Pertanto, è probabile che l’obesità sia un
fattore di rischio indipendente per COVID-19. Di grande preoccupazione è anche il fatto che le persone con
obesità hanno diminuito la protezione dall’immunizzazione influenzale, con uno studio che mostra che i
pazienti adulti affetti da IIV3 ed obesi hanno un’incidenza due volte maggiore di contrarre l’influenza e / o
malattie simil-influenzale nonostante siano stati vaccinati.
Cari tutti, fattori quali l’età avanzata, l’obesità giovanile e senile, le malattie croniche aumentano i rischi per la
salute in questa pandemia. Non possiamo cambiare la nostra età cronologica, ma nel frattempo, qualsiasi
cosa tu possa fare per migliorare la tua salute e il peso mentre sei in stato di blocco potrebbe aumentare e
migliorare la nostra capacità di superare indenni questo momento.
NutriSalus è a tua disposizione per qualunque informazione.
Bibliografia:
Diabetologia, https://doi.org/10.1007/s00125-020-05140-5
Clinical Infectious Diseases, https://doi.org/10.1093/cid/ciaa415
Obesity, https://doi:10.1002/oby.22808

Dott Angelo De Martino

From 1985 to 1988 Researcher Research in biochemistry, nutrition and development and manufacture new drugs “Phargal Pharmasint” Pharmaceutical industry
From 1988 to 1990 Scholarship in Biological Chemistry Researcher in Biological Chemistry, Nutrition and Products and Natural Molecules University of Rome “Tor Vergata” – Department of Biochemistry – Biology
1990 to present Researcher Researcher in Biochemistry, Cell Biology, Nutrition, Cytology and Histology University of Rome “Tor Vergata” – Department of Biochemistry – Biology
Since 2005 Director of the “Antismoking Centre” and “Addiction Centre” – NutriSalus Medical Centre
Since 2007 Publisher and Scientific Director of “NutriSalus News”, a periodical magazine of scientific information in the field of dietician, nutrition, naturopathic medicine, nutraceutical molecules, natural supplements, natural and complementary medicines and BioNatural disciplines – court of Velletri Registration N ° 8/2010
From 2010 to now Director of Research and Study Centre for Overweight and Obesity –NutriSalus Medical Centre NutriSalus Group srl – Study and Research Centre Overweight and Obesity – Natural Therapies Centre

Lasciaci un like o condividi: